Descrizione DCS A-10C

Written by Scorpion on . Posted in Simulatori


Recensione By Veritas, pilota del 36° Stormo Virtuale.

 

L'A-10C Warthog è il secondo modulo della serie Digital Combat Simulator (DCS) e segue l'acclamato DCS: Black Shark. Quest'ultimo modulo, infatti, riguarda il velivolo più famoso per il Close Air Support: il Fairchild Republic A-10C Warthog.
In sostanza la decisione che ha spinto la ED (Eagle Dynamics) a realizzare questo simulatore è dipesa per lo più dal fatto che la "The Fighter Collection / Eagle Dynamics" stava già sviluppando negli ultimi anni un Simulatore per Desktop (DTS) ad alta fedeltà dell'A-10C per la U.S. Air National e per tale motivo hanno avuto accesso a tutte le informazioni riguardanti l'A-10C.

Con questo Simulatore si può provare l'ebbrezza di pilotare il famoso aereo statunitense da attacco al suolo A-10C con un livello elevatissimo di realismo. Basti pensare, appunto, che gli stessi sviluppatori lo hanno realizzato per la U.S. Air National !

Un pò di storia...
La necessità dell'A-10 germogliò dall'esperienza delle forze americane nella guerra del Vietnam.
Nel giugno 1966 venne lanciato il programma Attack Experimental (A-X). Delle 12 aziende invitate, Northrop e Fairchild Republic furono decretate vincitrici della gara dei prototipi il 18 Dicembre 1970. La proposta della Northrop sarebbe stata designata YA-9 e quella della Fairchild Republic designata YA-10.
La competizione tra i due prototipi avvenne tra il 10 Ottobre e il 9 Dicembre 1972. Alla conclusione del faccia a faccia, l' YA-10 ne uscì vincitore.
Il primo A-10A di produzione volò il 10 ottobre 1975. Alla consegna del 100° A-10A, il Pentagono battezzò l'aereo “Thunderbolt II”. Tuttavia, seguendo la tradizione iniziata con gli F-84 “Groundhog”, F-84F “Superhog” e F-105 “Ultra-Hog”, la comunità dell'A-10A lo soprannominò “Warthog” o semplicement ”Hog”. Questa tradizionale denominazione accoppiata con le linee non proprio aggraziate del A-10A furono molto azzeccate.

L'A-10 ricevette nel corso degli anni numerosi aggiornamenti con varie implementazioni come l'Heading Attitude Reference Systems (HARS), il Low-Altitude Safety and Targeting Enhancement (LASTE), la piena capacità EGI, il Control Display Unit (CDU), il nuovo sistema di contromisure (CMS), l'impiego del Targeting Pod Litening II AT, che portarono all'attuale A-10 Suite 3 con la designazione di A-10C.


Le missioni dell'A-10...
In più di 30 anni di servizio operativo, le missioni dell‟ A-10 hanno continuato ad evolversi per rispondere ai continui cambi di esigenze e complessità dello scenario. In risposta alle esigenze iniziali del programma A-X, l‟ A-10 fu inizialmente focalizzato sul Close Air Support (CAS) a favore delle truppe amiche in contatto con le forze del Patto di Varsavia nel caso la Guerra Fredda fosse diventata “Calda”. Tuttavia, a fronte delle ultime operazioni in cui l‟A-10 ha trovato utilizzo, Golfo Persico, Balcani e Afghanistan, le iniziali missioni CAS a bassa quota subirono un radicale cambiamento.
Data la maggior minaccia proveniente dalle difese da bassa quota rispetto a quelle da quote medie, le operazioni dell‟ A-10 generalmente vennero spostate verso le quote medie (da 12.000 a 20.000 ft) per minimizzare l‟ esposizione alle minacce derivanti da Artiglieria Anti-Aerea (AAA) e Missili Antiaerei portatili (MANPAD).Questo fu reso possibile sia grazie alla mancanza di difese Anti-Aeree da Media-Alta quota che da un supporto idoneo volto alla loro neutralizzazione. Infatti, la maggior parte delle operazioni di combattimento dell‟ A-10 si svolsero la di sopra dei 12.000 ft con incursioni a bassa quota per l‟ impiego del cannone o per lo sgancio di bombe e razzi in modalità CCIP. Gli A-10C odierni, in particolare usano in combinazione il pod Litening II AT le bombe guidate di precisione e missili per attaccare da medie quote da distanze Stand-off per evitare le minacce a bassa quota. Impiegato da queste altitudini in tal modo, l‟ A-10C è in grado di condurre 4 tipi generici di missione:
- Close Air Support (CAS)
- Battlefield Air Interdiction (BAI)
- Airborne Forward Air Controller (AFAC)
- Combat Search and Rescue (CSAR)

Conclusioni
In definitiva questo eccellente Simulatore vi farà pilotare questo robusto e "cattivo" velivolo aggiornato con le ultime implementazioni avioniche di un cockpit di elevata tecnologia, per eseguire il cd. "lavoro sporco"... abbattere le unità di terra che cercheranno di invadere territori amici (colpire postazioni SAM da alta quota con le bombe GPS, eliminare colonne di carri con i MAVERICK, colpire vaste zone con bombe a frammentazione oppure dare supporto alle truppe di terra).
Per ora presente nel teatro georgiano e a breve anche nel teatro del Nevada!

Il 36° Stormo Virtuale, dopo un lungo periodo di sperimentazione di tale simulatore attraverso il gruppo RSV (Reparto Sperimentale Volo), ha di recente iniziato le procedure di addestramento a tale velivolo iniziando dal corso basico che porterà a ricevere il "brevetto LCR" fino a continuare poi al corso avanzato per conseguire il "brevetto FCR" per ricevere la Combat Ready!
L'addestramento aiuterà il cadetto a formarsi sia teoricamente che praticamente per avere la padronanza completa dell'A-10C ed essere capace di volare ognitempo, in formazione, rifornirsi in volo dal Tanker, gestire le informazioni sia dell'Awacs sia attraverso il JTAC e di eseguire ogni missione come un vero pilota A-10.

 

 

Wrote by =36=Veritas
36th Stormo Virtuale A-10 Pilot

Il sito e il forum del 36° Stormo Virtuale fanno uso di cookie. Utilizzando i nostri servizi accetti l'utilizzo dei cookie.